Stampa questa pagina
Rilegatura tesi di laurea e rilegatura libro Rilegatura tesi di laurea e rilegatura libro

Quali sono i tipi di rilegatura per una tesi o per un libro

21 Settembre 2020
Scritto da 
Letto 23625 volte
Pubblicato in Domande & Risposte

Rilegatura di una tesi di laurea o di un libro

La rilegatura è la fase in cui si realizza l’unione tra le pagine che compongono un libro o una tesi di laurea. La rilegatura della tesi e di qualsiasi prodotto editoriale, rappresenta, come l’impaginazione e la stampa, una fase di lavorazione fondamentale che, se fatta con cura e professionalità, consente di ottenere un risultato finale di qualità.

La rilegatura della tesi di laurea viene solitamente realizzata con copertina cartonata sia per il valore estetico, sia per garantirne una più lunga conservazione.

Rilegare una tesi di laurea o un libro significa realizzare una doppia legatura. La prima riguarda il blocco fogli e viene effettuata con la modalità della brossura. Essa consiste nell’incollare la tesi su una cartella di cartone sopra la quale è stato incollato un foglio di carta precedentemente stampato, ma può essere anche tela o pelle. Una volta che l’incollaggio del foglio sul cartone è asciutto, la copertina viene piegata e cordonata in base allo spessore del dorso, viene cioè praticata una traccia a secco per facilitarne la piegatura ed evitare così deformazioni e screpolature. Una volta piegata la copertina è necesario collegare la stessa con il blocco fogli. Questa operazione viene eseguita attraverso i cosiddetti risguardi. Il risguardo è un foglio, che può essere o meno stampato su di un lato e viene posto all’inizio e alla fine della tesi. Per metà viene legato alla parte interna della tesi, per l’altra metà viene invece incollato al cartonato della copertina. Questa operazione si chiama incassatura ed è l’operazione che permette di collegare le due parti della tesi.

I tipi di rilegatura più diffusi nel campo della legatoria, ovvero la tecnica e l’arte di legare e rilegare i libri, sono il punto metallico; la brossura o rilegatura a caldo che può essere fresata o cucita; la spirale metallica o in plastica.

Tipi di rilegatura

Rilegatura a punto metallico

La rilegatura a punto metallico viene realizzata accavallando e inserendo sul dorso uno o più segmenti di filo metallico, successivamente ribattuti. Esistono diverse forme di punto metallico come il punto piatto che è il più utilizzato, ossia quando il segmento di filo metallico viene inserito nel dorso e quindi subito ribattuto; il punto metallico omega, invece, è una cucitura delle segnature attraverso uno spezzone di filo metallico obbligato a penetrare sul dorso e ripiegato all’interno, creando all’esterno un occhiello per l’archiviazione nei contenitori ad anelli.

 

Rilegatura a punto metallico

 

Rilegatura a caldo tramite brossura fresata

La brossura o rilegatura a caldo può essere fresata o cucita. Nel caso della brossura fresata le segnature raccolte vengono tagliate in singole pagine sul lato del dorso, da cui deriva il termine fresatura, in quanto il taglio avviene attraverso l’utilizzo di una fresa. Successivamente, sulla parte tagliata dalla fresa, viene stesa della colla a caldo che penetra a margine delle pagine creando il blocco libro. Questa tecnica è la più economica tra le tipologie di brossura, ma ha alcune controindicazioni come il rischio che, dopo diverse aperture del volume, le pagine possano staccarsi. Un libro con legatura in brossura fresata rappresenta il sistema in brossura più economico per realizzare una tesi o una pubblicazione.

 

Rilegatura a caldo tramite brossura fresata

 

Rilegatura a caldo tramite brossura cucita a filo refe

La brossura cucita a filo refe consiste, invece, nel cucire al centro ogni segnatura con un filo di cotone, lino, canapa o sintetico. Una volta raggruppate tutte le segnature, si procede a incollarle a caldo sul dorso e a incassare la copertina. In questa legatura infatti le singole segnature, precedentemente raccolte in sequenza, vengono legate, prima singolarmente e poi tra di loro, con un filo continuo tessuto, fino a formare il blocco libro. Si tratta di una vera e propria cucitura, prima delle singole segnature che vengono aperte al centro, perforate nel dorso per l’inserimento, tramite un ago, del filo di legatura e, successivamente, unite tra di loro legandole insieme con il medesimo filo. La brossura a filo refe è molto più resistente di quella fresata e, per questo motivo, più costosa.

 

Rilegatura a caldo tramite brossura cucita

 

Rilegatura a spirale e ad anelli

Esistono altri sistemi di legatura che vengono utilizzati per vari tipi di stampati, ma non per i libri, come la cucitura a spirale, sia plastica che metallica, oppure quella ad anelli con foratura delle pagine. Queste legature vengono utilizzate soprattutto per schede, brochure, cataloghi e altri prodotti destinati all’archiviazione.

Con la rilegatura a spirale i fogli vengono preventivamente tagliati e forati a bordo dorso. Quindi viene inserito un filo continuo conformato a spirale classica o a pettine. Le spirali possono essere in metallo o di plastica.

 

Rilegatura a spirale

 

Risulta, quindi, essenziale definire in fase di progettazione il tipo di legatura da utilizzare. Se si sceglie il punto metallico, l’assemblaggio delle varie segnature viene chiamato incarto. Anche l’utilizzo del punto metallico ha dei limiti ben specifici, dovuti al numero di pagine confezionabili. Oltre un certo spessore, infatti, il prodotto finito non risulta gestibile e tenderà ad aprirsi. Inoltre, se il numero di pagine tende ad essere troppo elevato, il taglio del blocco fogli rischia, soprattutto in presenza di componenti posti al bordo della pagina, di tagliare elementi della grafica o parte del testo. Quando il numero di pagine risulta troppo elevato è preferibile utilizzare il sistema di legatura in brossura o rilegatura a caldo.

 

RICHIEDI UN PREVENTIVO